Oste Scuro Künstlerstübele - Ristorante - Bressanone - Gourmet Südtirol

Restaurant Finsterwirt Künstlerstübele Ristorante Oste Scuro Brixen Bressanone - Gourmet Südtirol
Oste Scuro Künstlerstübele - Ristorante - Bressanone - Gourmet Südtirol
Restaurant Finsterwirt Künstlerstübele Ristorante Oste Scuro Brixen Bressanone - Gourmet Südtirol

Oste Scuro Künstlerstübele - Ristorante

Vicolo Duomo 3

I-39042 Bressanone - Alto Adige 

Tel: +39 0472 83 53 43

info@finsterwirt.com

www.finsterwirt.com

 

Orari d'apertura: 

Ristorante: ore 11.45 - 14.15 + ore 18.45 - 21.15 

Giorno di riposo: Domenica sera e lunedì (escluso festivi)

 

Ristorante à la carte│Cucina mediterranea│Cucina altoatesina│Vini│Feste private│Terrazza│Cene aziendali│ 

“Künstlerstübele”(Osteria degli artisti) Oste Scuro: Piacere nel centro storico di Bressanone in Alto Adige

Vicino alla piazza del Duomo di Bressanone si trova uno dei ristoranti più conosciuti e apprezzati di Bressanone in Alto Adige: L'Oste Scuro / Finsterwirt. A pranzo o a sera, la cucina dello chef Hubert Ploner sa convincere. Prodotti slow food biologici di agricoltori e produttori della zona vengono raffinati con creatività e cucinati in piatti estremamente gustosi. La carta dei vini è ben nota agli intenditori e brilla con quasi 400 etichette. Che si tratti dei saloni storici o della splendida terrazza pergolata ricoperta di vegetazione, la famiglia Mayr e il team non vedono l'ora della sua visita!

 

Ristorante “Künstlerstübele”(Osteria degli artisti) Oste Scuro/Finsterwirt a Bressanone in Alto Adige - storia e tradizione

Storicamente, la storia della casa può essere fatta risalire al XIII secolo. Per secoli, l'edificio allungato a due piani era appartenuto al Capitolo della cattedrale di Bressanone, l'organo di governo della Chiesa vescovile di Bressanone per le questioni amministrative e liturgiche. Fu dapprima adibito a edificio residenziale e dal 1743 a osteria del Capitolo per il vino della decima. Tuttavia, questo vino, dato dai contadini come pagamento di interessi, poteva essere servito solo fino al calar della notte, in modo da non disturbare il riposo notturno nella canonica e nel prevosto della cattedrale. E per non disturbare nessuno, non si potevano accendere luci.

Tuttavia, le persone non si attenevano sempre al riposo notturno e continuavano a bere al "buio/scuro" e così accadde che da quel momento in poi il l fu popolarmente chiamato Oste Scuro.

L'Oste Scuro fu venduto nel 1770 e poi passò di mano diverse volte. Anton Mayr Senior acquistò l'Oste Scuro nel 1881 e lo gestì di nuovo come locanda.

Al piano terra vicino alle scuderie costruì una falegnameria.

 

Nel 1904 il sensibile Anton Mayr jun., figlio di Anton Mayr sen. e prozio dell'odierno ospite Hermann, la "Casa del Canonico". Fu grazie al suo senso dell'arte che fu fondato il Museo di Bressanone e che l'Osteria degli artisti, da lui arredata con gusto, divenne presto nota oltre le mura della città di Bressanone.

Monarchi, artisti e scienziati sono stati ugualmente attratti dall'Oste Scuro, come voci significative nella mostra del libro degli ospiti. Tra gli altri, l'arciduca Eugenio, l'erede al trono l'arciduca Francesco Ferdinando e sua moglie la contessa Sophie von Hohenberg, l'arciduchessa Maria Josefa, madre del futuro imperatore Carlo, ma anche artisti come Francesco v. Defregger, Köster e Riss, studiosi e ricercatori ospiti del "Finsterwirt / Oste Scuro".

 

Dal 1970 Hermann Mayr e la sua famiglia gestiscono l'Oste Scuro a Bressanone. È importante sviluppare ulteriormente l'Oste Scuro sia per la gente del posto che per gli ospiti e rimanere in vita come azienda. Questo è uno dei motivi per cui la famiglia Mayr ha riaperto nel 1986 l'ex falegnameria al piano terra come "Osteria del Capitolo Oste Scuro". Nell'idilliaco cortile interno, sotto il pergolato del vino, in estate vengono offerti speciali tipi di birra, etichette di vini altoatesini e nazionali con piccole prelibatezze.

 

La famiglia Mayr si sente impegnata nella tradizione della casa, custodisce con grande passione i tesori del passato e li porta avanti nel futuro. Nella Osteria degli artisti sono rimasti intatti i rivestimenti, i dipinti originali, le armi ricche di storia e le preziose finestre di vetro.

 

Nel 2008, nel rispetto dello spirito dei tempi, è stata realizzata la terrazza nel cortile interno. L'aggiunta moderna si inserisce armoniosamente nella struttura storica, il passaggio è fluido e valorizza la casa e soprattutto la corte interna.

 

Dal 2020 Christoph Mayr dirige con grande sensibilità e ospitalità il Finsterwirt e il locale Vitis, nota e fornita enoteca al piano terra dell'edificio storico.

Kommentar schreiben

Kommentare: 0

Gentile visitatore, le do il benvenuto sul mio sito Gourmet Südtirol. In questo momento il sito è in fase di revisione, mi scuso per gli eventuali (e temporanei) problemi di visualizzazione. Monika

Pfitscher

X PopUp IT

Liebe Besucher/in, ich freue mich, Sie auf Gourmet Südtirol begrüßen zu dürfen. Zurzeit wird meine Website überarbeitet. Ich bitte um Entschuldigung, wenn es hier und da zu Darstellungsproblemen kommt.

Ihre Monika Pfitscher

X PopUp DE