Bue di Qualità dalle locande sudtirolesi

Già 200 anni fa la gente dell'epoca era ghiotta della delicata e dalle finissime fibre carni del colossale “Bue di Qualità”. Nelle vallate e fra contadini correva voce che questa carne veniva addirittura gustata nei banchetti imperiali signorili a Vienna. A primavera si portano i bovini giovani su in alta montagna a pascolare, qui devono rimanere minimo per 2 stagioni nutrendosi e crescendo sotto lo sguardo e l'attenzione dei loro pastori, perché il proverbio dei pastori è: "l'estate le ossa in inverno la carne".

Passati le 2 stagioni di pascolo per il tradizionale avvenimento del mercato di pasqua i contadini portano queste ormai diventati colossali bestie giù a valle al mercato di san Lorenzo in val Pusteria per metterli all' asta.

 

Al “Wirtshaus Thurnerhof" è un onore servire questi piatti prelibati di carne del “Bue di Qualità”. Bisogna darvi un avvertimento molto importante: chi mangia la carne del “Bue di Qualità” per la prima volta può diventarne dipendente e non può più farne a meno.

 

 

 

 

 

 Un estratto della lista al Thurnerhof
Carpaccio di lingua cotta del “Bue di Qualità” con raffano-panna dipp    11,00 €  
Canederli di fegato del “Bue di Qualità” in un doppio consomè con carotejulien    6,00 €
 *
"Zuppa Acida" dei polmoni del “Bue di Qualità”   7,00 €
 *
Bistecca del “Bue di Qualità” alla griglia con insalatina primaverile e patate del contadino    19,90 €
 
 

Kommentar schreiben

Kommentare: 0

Gentile visitatore, le do il benvenuto sul mio sito Gourmet Südtirol. In questo momento il sito è in fase di revisione, mi scuso per gli eventuali (e temporanei) problemi di visualizzazione. Monika

Pfitscher

X PopUp IT

Liebe Besucher/in, ich freue mich, Sie auf Gourmet Südtirol begrüßen zu dürfen. Zurzeit wird meine Website überarbeitet. Ich bitte um Entschuldigung, wenn es hier und da zu Darstellungsproblemen kommt.

Ihre Monika Pfitscher

X PopUp DE